Fs Event - Avellino
tel. 3478103841 - 3293404646
info@levetrinedellacampania.it

EMERGENZA CORONAVIRUS, LA REGIONE CAMPANIA POTENZIA L’OSPEDALE DI AVELLINO, I PRESIDI ASL E RIAPRE L’OSPEDALE DI BISACCIA

20 marzo 2020 ora 18,08

 

Redazione Avellino  Tv7 – Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca potenzia l’Ospedale di Avellino, i presìdi Asl e riapre l’Ospedale di Bisaccia per fronteggiare l’Emergenza ospedaliera in Irpinia. Lo ha annunciato con una nota diffusa dall’Unità di Crisi della Regione Campania nel primo pomeriggio.

Vincenzo De Luca – Presidente Regione Campania

«STRUMENTI E POSTI LETTO PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA OSPEDALIERA IN IRPINIA». Il Presidente della Regione Campania ha dato «disposizione all’Unità di Crisi della Regione di considerare attualmente una priorità assoluta sul piano regionale gli interventi per le forniture all’ospedale Moscati di Avellino», si legge nel comunicato. «Oltre agli invii già effettuati, in giornata l’ospedale sarà dotato di altre tre ventilatori polmonari mobili per la terapia intensiva e sub-intensiva», mentre, dalla prossima settimana saranno consegnati anche quelli ‘fissi’ al presidio di Avellino». Analoghe disposizioni per i dispositivi di protezione individuale, aggiunge l’Unità di Crisi. Per quanto riguarda l’ospedale di Ariano Irpino, «sono già attivi da oggi 7 posti letto di terapia intensiva e altri 15 saranno pronti dalla settimana prossima, con l’arrivo dei ventilatori polmonari. Complessivamente si arriverà, a conclusione dei lavori in corso a 32 posti di degenza Covid-19». Contestualmente, «presso l’ospedale di Sant’Angelo dei Lombardi saranno disponibili altri 8 posti di terapia intensiva, così come è già previsto l’ampliamento dei posti letto nel presidio di Bisaccia». L’Unità di Crisi, si conclude il comunicato, continua a seguire con grande attenzione tutte le situazioni di criticità» con  l’obiettivo di «arrivare alla normalizzazione nel più breve tempo possibile».​

COVID-19, INTERVENTI SU “MOSCATI” E ARIANO IRPINO DOPO ANALISI DELLE CARENZE RISCONTRATE NEGLI ULTIMI GIORNI. Il potenziamento dell’intero sistema ospedaliero, con particolare riguarda ad Avellino e Ariano in sofferenza, scaturiscono dalla verifica aperta dal Governatore nella giornata di giovedì 19 marzo, quando si è valutato necessario l’arrivo anche di nuovo personale. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, aveva chiesto «un intervento di estrema urgenza» per l’ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino e per il presidio ospedaliero Sant’Ottone Frangipane di Ariano Irpino, alla luce dell’escalation di casi positivi registrati negli ultimi giorni. «Si registrano inaccettabili attese per le ambulanze al Moscati e gravi difficoltà al presidio di Ariano Irpino», aveva affermato De Luca. «È stato disposto un intervento ad horas per affrontare e risolvere ogni criticità esistente e per l’assunzione di nuovo personale con immediata verifica sull’organizzazione dei servizi». La comunicazione di oggi concretizza quella prima comunicazione.

IL PRESIDIO ASL DI GUGLIELMO DI BISACCIA RECUPERA LA FUNZIONE OSPEDALIERA INTERROTTA OTTO ANNI FA. Il Sindaco aveva spiegato ai tecnici dell’Asl nei giorni scorsi che il presidio Di Guglielmo di Bisaccia (oggi Struttura Polifunzionale della Salute) è pronto a riaprire l’ospedale. Le nuove disposizioni del Presidente della Regione Campania raccolgono quella disponibilità. Il Sindaco Marcello Arminio aveva spiegato che «l’ospedale Di Guglielmo è una struttura pronta per l’Irpinia intera, disponibile a soddisfare le esigenze di una emergenza che richiede soluzioni concrete e di immediata eseguibilità». Ora potrà farlo.